10 Appuntamenti con i Musei Italiani

 Vi propongo 10 appuntamenti nei musei italiani alla scoperte di moltissime ed interessantissime opere, tutte raccolte in diverse rassegne.

Canaletto, 1697-1768

1. Canaletto 1697-1768

A Roma si celebra il 250° anniversario della morte del pittore veneziano Giovanni Antonio Canal, detto Canaletto con una mostra che espone un nucleo di opere mai esposte in Italia.

Canaletto 1697-1768 è la mostra si aprirà il prossimo 11 Aprile a Roma nella bellissima cornice di Palazzo Braschi. Una retrospettiva dedicata al grande vedutista veneziano del Settecento, che esporrà opere provenienti da musei e gallerie di tutto il mondo come il Metropolitan Museum of Art di New York, la National Gallery di Londra, il Castello Sforzesco di Milano e Galleria Borghese a Roma.

68 Opere esposte, tra dipinti, disegni e documenti. Tra questi ricordiamo 10 disegni preparatori, da piccole a grandi dimensioni e due opere di grande importanza: Il Canal Grande na Nord, verso il ponte di Rialto e Il Canal Grande con Santa Maria della Carità.

Fino al 19 Agosto 2018

Per informazioni cliccare sul sito Musei di Roma

 

 

 

REVOLUTIJA. Da Chagall a Malevich, da Repin a Kandinsky

2. REVOLUTIJA. Da Chagall a Malevich, da Repin a Kandinsky

In occasione del centenario della Rivoluzione Russa, viene allestita la mostra REVOLUTIJA. Da Chagall a Malevich, da Repin a Kandinsky presso il MAMbo di Bologna fino al prossimo 13 Maggio.

La rassegna, composta da oltre 70 opere proveniente dal Museo di Stato Russo di San Pietroburgo, ci fa rivivere la nascita delle scuole e dei movimenti d’avanguardia sviluppatisi tra il 1910 e il 1920. Dal primitivismo al cubo-futurismo, fino al superassimo e al costruttivismo. Vediamo in rassegna i principali protagonisti come Kandinsky, Malevich, Chagall, ma anche Rodchenko, Serov, Altman e Repin. 

Prodotta e organizzata da CMS Cultura e curata da Eugenia Petrova, vice direttore del Museo di Stato Russo, e Joseph Kiblitsky.

Tutte le informazioni su orari e biglietti qui 

 

 

Frida Kahlo, Oltre il Mito

3. Frida Kahlo. Oltre il Mito

Come dice il titolo della mostra, questa rassegna va Oltre il Mito. Viene esaltata Frida come artista e pittrice a 360° , mettendo in secondo piano la sua biografia. Si esaltano le potenzialità della pittrice messicana grazie ad un lavoro durato sei anni, fatto di ricerche e studio di documenti ritrovati nella casa Azul dove Frida viveva a Città del Messico.

La mostra è composta da più di cento opere, alcune delle quali inedite, tra dipinti, disegni e fotografie, provenienti dal Museo Dolores Olmedo di Città del Messico e dalla Jacques e Natasha Gelman Collection.

Una mostra ideata per ogni tipo di pubblico.

La mostra è promossa dal Comune di Milano-Cultura e da 24 Ore Cultura-Gruppo 24 Ore, curata da Diego Sileo.

MUDEC- Museo delle Culture di Milano

Dall’ 1 Febbraio al 3 Giugno 2018

 

 

 

Stati d’Animo

4. Stati d’Animo. Arte e Psiche tra Previati e Boccioni.

Con la mostra di Palazzo dei Diamanti a Ferrara ci si affaccia alla psiche umana attraverso dipinti del divisionismo, simbolismo e futurismo. Tra i suoi protagonisti troviamo Gaetano Previati, Giuseppe Pellizza da Volpedo, Giovanni Segantini, Giacomo Balla, Umberto Boccioni, Carlo Carrà, Giorgio de Chirico, Angelo Morbelli e Medardo Rosso.

La rivoluzione darwiniana colpisce questi artisti che vogliono approfondire l’aspetto psicologico e sentimentale attraverso i loro dipinti.

Ferrara, Palazzo dei Diamanti

3 Marzo – 10 Giugno 2018

Mostra a cura di Chiara Vorrasi, Fernando Mazzocca e Maria Grazia Messina
Organizzata dalla Fondazione Ferrara Arte e dalle Gallerie d’Arte Moderna e Contemporanea di Ferrara

http://www.palazzodiamanti.it

 

 

 

Dürer e il Rinascimento tra Germania e Italia

5. “Dürer e il Rinascimento tra Germania e Italia” 

Altra mostra presso Palazzo Reale di Milano è questa che racconta l’apice del Rinascimento tedesco con suo grande protagonista Albrecht Dürer con le sue opere e altri artisti tedeschi e italiani dell’epoca. Sono visibili 130 opere, tra cui 12 dipinti di Dürer, 3 acquerelli e circa 60 tra disegni, incisioni, libri e manoscritti.

Milano, Palazzo Reale fino al 24 Giugno 2018

http://www.mostradurer.it

 

 

 

Rodin, Il Bacio

6. Rodin. Un grande scultore al tempo di Monet

Treviso è stata scelta dal Musée Rodin di Parigi per ospitare la mostra conclusiva della celebrazione del primo centenario della scomparsa di Auguste Rodin (1840-1917) chiudendo il cerchio di una serie di eventi espositivi avvenuti nel 2017 che hanno interessato tra gli altri il Grand Palais di Parigi ed il Metropolitan Museum di New York.

Sono in mostra 50 sculture e 25 opere su carta; tra le sculture più importanti dell’artista saranno presenti il famosissimo Bacio, il Pensatore, il Monumento a Balzac, l’Uomo dal naso rotto, ma anche i Borghesi di Calais e la Porta dell’Inferno.

Nella rassegna si ripercorre il progresso artistico dello scultore mettendo in evidenza lo sguardo che Rodin ha sempre posto verso lo stile di Michelangelo.

La mostra è curata da Marco Goldin, promossa dal Comune di Treviso e da Linea d’Ombra.

Treviso, Museo di Santa Caterina

Dal 24 Febbraio al 3 Giugno 2018.

http://www.lineadombra.it/ita/mostre/rodin/rodin/rodin-info.php

 

 

 

Raffaello e l’eco del Mito

7. Raffaello e l’Eco del Mito

Si sono aperte alla fine di gennaio le porte del GAMeC di Bergamo per offrire una mostra su uno dei più grandi artisti italiani del Rinascimento. Sicuramente ne vale la pena visitare la rassegna su Raffaello, dove si ripercorre la carriera artistica del pittore urbinate attraverso opere di grande importanza e provenienti da tutto il mondo, come Londra, Berlino, New York e San Pietroburgo per citarne alcuni.

Si posssono ammirare 20 opere di Raffaello accostate a quelle del suo maestro Perugino, Signorelli, Memling, Berruguete e altri ancora.

Fino al 6 Maggio 2018

Una mostra di Accademia Carrara, in collaborazione con GAMeC.

http://raffaellesco.it/it

 

 

 

io Dalì

8. Io Dalì

Grande curiosità e suspense avevano dato una serie di manifesti rossi, con la faccia dell’artista e la sola scritta Napoli, nella città partenopea. Poi sfatato il mito. Ecco una mostra su Salvador Dalì. Una rassegna che va ad indagare la vita privata dell’artista catalano, disegnando le forme del suo essere attraverso dipinti, disegni, foto e riviste.

La mostra, voluta dal comune di Napoli, è a cura di Laura Bartolomé, Lucia Moni e Francesca Villanti.

Mostra aperta fino al 10 Giugno 2018. Napoli, PAN Palazzo delle Arti di Napoli.

Ingresso:  intero € 10,00 – ridotto € 8,00
per gruppi superiori a 12 persone e per ragazzi sotto i 26 anni
ridotto scuole € 5,00 per gruppi scolastici
ingresso gratuito per bambini sotto i 6 anni e per persone diversamente abili con un accompagnatore

Prevendite:
www.etes.it – Tel.081.5628040

 

 

Impressionismo e Avanguardie

9. Impressionismo e Avanguardie. Capolavori dal Philadelphia Museum of Art.

Da oggi Palazzo Reale a Milano accoglie una mostra che ospita 50 capolavori provenienti dal Philadelphia Museum of Art. L’esposizione “Impressionismo e avanguardie. Capolavori dal Philadelphia Museum of Art” permette di ammirare opere a cavallo tra Ottocento e  Novecento di artisti come Manet, Monet, Pisarro, Van Gogh, Degas la maggior parte delle quali sconosciute al pubblico perché poco accessibili e difficili i loro spostamenti.

La rassegna fa parte del progetto “Musei del Mondo a Palazzo Reale” iniziato nel 2015, che ospita ogni  anno opere provenienti da tutto il mondo. Riviviamo le forme ed i colori di uno dei periodi più belli e amanti della storia dell’arte, passando dalle ballerine di Degas al ponte di Giverny di Monet, dalle forme e i coloro di Picasso a quelli di Kandinskij.

Milano, Palazzo Reale

Fino al 2 Settembre 2018.

http://www.impressionismoeavanguardie.it

 

 

L’Eterno e il Tempo, tra Michelangelo e Caravaggio

10. “L’eterno e il Tempo tra Michelangelo e Caravaggio” ospitata fino al prossimo 17 Giugno al Museo San Domenico di Forlì.

Una rassegna che va dall’ultimo Michelangelo e conclusa con la morte di Caravaggio, dove fanno da sfondo gli avvenimenti storici dell’epoca.

Riviviamo gli anni che intercorrono tra il Sacco di Roma (1527) e la morte di Caravaggio (1610), tra l’avvio della Riforma protestante (1517-1520) e il Concilio di Trento (1545-1563), tra il Giudizio Universale di Michelangelo (1541) e il Sidereus Nuncius di Galileo (1610).

 

Un secolo avvincente intriso di subbugli e ritorno all’ordine, che vede il tramonto del Rinascimento e il sorgere del Manierismo. Inizia così il tentativo di sviluppare un’arte con nuove caratteristiche, nuovi cromatismi e attenzione al naturalismo.

Un percorso espositivo, che vedrà coinvolta anche la chiesa stessa di San Giacomo Apostolo, da Michelangelo a Caravaggio passando attraverso Raffaello, Rosso Fiorentino, Lorenzo Lotto, Pontormo, Sebastiano del Piombo, Correggio, Bronzino, Vasari, Parmigianino, Daniele da Volterra, El Greco, Pellegrino Tibaldi, i Carracci, Federico Barocci, Veronese, Tiziano, Federico Zuccari, Cavalier d’Arpino, Giuseppe Valeriano e Scipione Pulzone. Senza dimenticare le forme alternative di Rubens e Guido Reni.

 

La mostra dedicata al Cinquecento è a cura dei Musei San Domenico e della Fondazione Cassa dei Risparmi di Forlì, in collaborazione col comune di Forlì.

Forlì, Musei di San Domenico

Dal 10 Febbraio al 17 Giugno 2018.

 

 

 

2 commenti
  1. Katja
    Katja dice:

    In maggio avrò 2 settimane di ferie: vediamo se riesco ad organizzarmi per Milano. Mi aspetta Durer (tra i miei artisti preferiti) e Frida Kahlo. Pensa che la mostra di Durer l’ha organizzata il mio prof di arte moderna quando studiavo a Verona … significa che devo assolutamente andarci, che dici?

    Rispondi
    • Wepostart
      Wepostart dice:

      Assolutamente si!! Sono tra le migliori esposizioni del 2018, non puoi perderle! e poi se ti va fammi sapere cosa ne pensi 🙂

      Rispondi

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.